Lacrime, urla, rabbia, maleducazione – A qualsiasi età, i bambini conoscono i nostri punti deboli e sanno come raggiungere il loro. Ma il nostro compito, non soccombere al ricatto, aiuta il bambino a imparare a controllarsi. A proposito di questo il libro di Madeleine Deny, un esperto di psicologia infantile. Alcuni frammenti.

È stata la mia reazione corretta? E se mi comportassi troppo piano? O troppo difficile? Spesso non siamo pronti per il fatto

Inoltre, secondo il professor Birnbaum, lo scarico sessuale prima che una data aumenterà il tuo interesse per un i benefici del sesso tantrico rispetto al sesso partner e ti permetterà di essere più franco con esso. E la franchezza, come è ben nota, spesso genera intimità.

che l’isteria invaderà la nostra vita familiare. Per respingere l’attacco, è necessario monitorare la situazione e manovrare abilmente tra durezza e negoziati. Demolire pazientemente quelle manifestazioni di sentimenti che non colpiscono gli altri ed evitano un duro confronto. Dobbiamo diventare diplomatici qualificati, perché questo è l’unico modo per far fronte agli scandali.

1-3 anni: rifiuto dell’onnipotenza

L’isteria è uno stadio normale nello sviluppo del bambino, il risultato della consapevolezza che non è onnipotente, un modo per affrontare il mondo che lo circonda – e allo stesso tempo si adattano ad esso. A poco a poco, imparerà a controllare la sua energia ed esprimere emozioni violente in altri modi tranne che urlare. Quando i genitori ascoltano le emozioni del bambino, si sente protetto e più facile per lui calmarsi. Distrarre il bambino, cambiare la sua attenzione su un altro, invece di chiedere cosa era arrabbiato con lui è una buona soluzione. I bambini non sanno ancora come risolvere i conflitti senza l’aiuto dei pugni. È necessario aiutarli in una situazione del genere, in primo luogo, per la loro sicurezza e, in secondo luogo, in modo che non si abituassero a reagire troppo emotivamente a qualsiasi situazione difficile. All’età di 2-3 anni, il bambino inizia a rendersi conto come un individuo, tutto è meglio consapevole dei suoi sentimenti. Mostrando rispetto per lui “no!”E” Non voglio!”, I genitori dovrebbero e assicurati di fargli capire che se ti rifiuti di fare qualcosa su cui insiste, allora questo è esclusivamente per il suo beneficio.

Adviс: La cosa più corretta è nascondere la tua ansia e non prestare particolare attenzione agli scoppi di rabbia dei bambini. Altrimenti, il bambino capirà che la sua rabbia è fuori dalla carreggiata e decide che può controllarti.

Parole, che non hai bisogno di dire al bambino: “Sei malvagio”, “ti comporti terribilmente”. È meglio spiegargli: “Per quello che colpisci, fa male. Non voglio che tu spingi gli altri bambini “

Deixe um comentário

O seu endereço de e-mail não será publicado. Campos obrigatórios são marcados com *